Our Live Report Category

Colapesce: un meraviglioso mostro elettro-acustico

                                                                                                           

 

Metti una domenica pomeriggio, un’amica e tanta curiosità di riuscire finalmente ad ascoltare dal vivo uno dei più bravi artisti siciliani, Colapesce, che sta portando in giro per lo stivale il suo ultimo album Egomostro.

Aggiungi il fatto che la performance pensata dall’artista siciliano per la versione primaverile del Sundaypark è doppia  (un primo set acustico, accompagnato dai disegni del bravissimo Alessandro Baronciani e un secondo set, questa volta elettrico), ed è fatta: alle 16 saliamo in macchina in direzione Milano.

READ MORE

0

Io So Chi sono – Afterhours @ Teatro La Fenice (Senigallia)

 

 

 

“Ciò che succede, il male che si abbatte su tutti, avviene perché la massa degli uomini abdica alla sua volontà, lascia promulgare le leggi che solo la rivolta potrà abrogare, lascia salire al potere uomini che poi solo un ammutinamento potrà rovesciare.” (A. Gramsci)

Lo spettacolo teatrale degli Afterhours dal titolo “Io So Chi Sono”, è stato una bella sorpresa che non ci aspettavamo in questo 2015. Un po’ perchè loro stessi non ne avevano bisogno, reduci dal successo di pubblico e critica del precedente tour a supporto della riedizione di Hai Paura del Buio, ma soprattutto perchè una band di tale potenza sonora, s’immagina a fatica “incasellata” nel contesto di un teatro, un po’ come se il rock stonasse in certi ambienti e quindi gli fossero preclusi. La realtà è un’altra, totalmente diversa: questa data conclusiva a Senigallia (Ancona) ci ha reso spettatori di bell’esperimento, una fusione perfetta tra musica, arti visive e letteratura, con al centro il tema dell’identità, della coscienza di sè e degli altri.

READ MORE

0

Il terzo Paradiso, ultimo tra i sogni – Subsonica@Unipol Arena di Casalecchio (BO)

 

 

 

La musica esprime ciò che è impossibile da dire e su cui è impossibile tacere. (V. Hugo)

Questa sera Bologna celebra uno dei gruppi italiani più amati ovvero i Subsonica, band torinese che dalla fine degli anni novanta fino ad oggi ha di fatto infuso nelle vene del nostro bel paese il rock elettronico, contaminando intere generazioni con la potenza di un suono ricercatissimo e senza dubbio molto particolare. Infatti non è assolutamente possibile “catalogare” la loro produzione, frutto di varie influenze ma anche innovativa, sperimentale. Dovendo azzardare paragoni per descrivere la loro musica, vengono subito in mente nomi del calibro di The Chemical Brothers o Prodigy, con il loro big beat, ma ciò che ha sempre contraddistinto questa band dalle altre è anche un’attenzione particolare riservata ai testi, al messaggio da trasmettere nelle canzoni, toccando varie tematiche, dalle più interiori fino a quelle più condivise e quindi politiche, sociali, ambientali. Una specie di occhio critico su ciò che ci circonda, che ricorda che la dance c’è, ma non è tutto.

READ MORE

0

Nutrendosi del suono – Meganoidi@Vibra (Modena)

“Oggi, la gente fatica a trovare ciò che è reale. Tutto è diventato così sintetico che un sacco di gente, tutto ciò che vuole è di aggrapparsi alla speranza” (Bob Marley)

Nel tempo ho cominciato a convincermi che un disco ben fatto o lo ami, o lo odi. Non devono esistere mezze misure se si parla di arte, in quanto ciò che non è di qualità passa inosservato, scivolando via senza infamia nè gloria. Nel mio caso ormai Welcome in Disagio, l’ultimo album dei Meganoidi uscito la scorsa primavera, l’ho praticamente consumato: non credo che riuscirei mai ad autoinfliggermi la pena di sorbirmi ripetutamente un disco che proprio non mi piace, pertanto direi che si tratta di vero amore musicale.

READ MORE

0

L’unica cosa che brilla – Meganoidi@Estragon (Bologna)

 

La fine dell’estate di solito coincide con pensieri negativi, malinconici, frutto dell’immersione nella vita quotidiana che le ormai trascorse vacanze avevano celato, dietro ad un velo di finto, pallido ottimismo. L’animo può non essere disposto a ricevere vibrazioni positive: ma la musica a volte riesce a vincere, trascinando via con sè anche le nubi che celano i raggi del sole.
La tempesta d’acqua che si è abbattuta su Bologna nelle ore antecedenti il concerto dei Meganoidi all’Estragon ha messo a dura prova l’umore, ma la determinazione in certi casi è davvero dura da abbattere.

READ MORE

0